Sei in: Homepage » Safety e security
Safety e security
A seguito degli eventi verificatisi in Piazza San Carlo a Torino in data 3 giugno 2017, a distanza di qualche giorno, è stata diramata una circolare del Capo della Polizia che ha posto in evidenza la necessità di qualificare, nell’ambito dei processi di organizzazione e gestione di qualsivoglia evento pubblico, gli aspetti relativi alla Safety – ovvero i dispositivi e le misure strutturali a salvaguardia dell’incolumità delle persone -  e alla Security – ovvero i servizi di ordine e sicurezza pubblica – ai fini dell’individuazione delle migliori strategie operative.
 
Il Ministero dell’Interno ha emanato i seguenti provvedimenti: 

 

Con la direttiva Morcone sono stati distinti sotto gli profilo procedurale gli eventi in: a) manifestazioni in luogo pubblico e b) manifestazioni di pubblico spettacolo, oltre a quelli già identificati dal Codice della Strada. 
Manifestazioni in luogo pubblico

 

Chi organizza la manifestazione è chiamato a dare preavviso al Questore il quale interessa il CPOSP in una versione allargata che vede la partecipazione del Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco e – d’intesa con il Sindaco del Comune interessato alla manifestazione – del Responsabile della Polizia locale. Il CPOSP valuta le pianificazioni di intervento, le linee d’azione necessarie alla sicurezza dell’evento e dispone eventuali sopralluoghi finalizzati a verificare la sussistenza dei dispositivi di safety e all’individuazione delle vulnerabilità. 
Manifestazioni di pubblico spettacolo

 

Lo svolgimento dell’evento è soggetto al rilascio della licenza da parte del Comune, previo parere della Commissione di Vigilanza comunale o provinciale sui locali di pubblico spettacolo. Il CPOSP potrà essere adito dalla Commissione qualora si ravvisi un potenziale innalzamento del rischio e in sede di CPOSP si può valutare l’opportunità di indicare alla Commissione di Vigilanza l’assunzione  di ulteriori precauzioni. In occasione del sopralluogo da effettuare prima dello svolgimento dell’evento, la Commissione di Vigilanza verifica l’ottemperanza delle precauzioni   e assume la decisione ai fini del rilascio della licenza. 
Le Linee guida per i provvedimenti di safety allegate alla direttiva del 28 luglio 2017 sono state predisposte dalla Prefettura di Roma la quale, “in via sperimentale”, ha operato una classificazione degli eventi e/o manifestazioni in base a tre diversi livelli di rischio (basso, medio, alto) rispetto ai quali vengono forniti suggerimenti su come calibrare le misure di sicurezza indicate dalle soprarichiamate circolari.

 

Tali Linee guida sono state pertanto trasmesse a tutte le Prefetture al fine di assicurare la massima diffusione anche nell’ambito di specifici incontri delle Conferenze provinciali permanenti allargate alla partecipazione delle Associazioni imprenditoriali e delle organizzazioni sindacali di categoria. In tal senso, le Linee guida costituiscono un utile strumento di riferimento diretto a calibrare le indicazioni attraverso una valutazione ad hoc dei singoli contesti e per l’adozione a livello territoriale. 
 
 
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A